03.04 Il Mattino di Padova: Crolla muro a secco, campetto inagibile

MONSELICE. Ennesima frana sulla Rocca, chiuso anche il campetto da calcio della scuola “Sacro Cuore”. Ieri mattina un nuovo smottamento si è verificato sopra il campo da calcio collocato di fronte al Duomo vecchio. A crollare questa volta è parte di un vecchio muro di contenimento a secco. Evidenti anche lo scivolamento del terreno e la caduta di alcuni alberi. Lo smottamento si è verificato nell’area adiacente il vecchio serbatoio dell’acquedotto. Ieri sul posto è intervenuto anche il Cvs, ma il serbatoio (comunque da un anno non più utilizzato) non ha subìto danni.
Ieri si è recato in sopralluogo sulle frane anche il consigliere regionale del Pd, Claudio Sinigaglia, che ha presentato invece un’interrogazione in consiglio regionale: «Chiedo la convocazione urgente della seconda commissione regionale» sottolinea «il patrimonio a rischio di essere compromesso è importantissimo. È opportuno che Zaia venga a rendersi conto della situazione e con tutto il suo peso si rivolga allo Stato. Chiedo a Regione e Ministero dei Beni culturali di farsi carico di un intervento strutturale”. Continua

06.04 – Il Mattino di Padova: Ampliata l’oasi di Onara Ok da tutti i politici veneti

TOMBOLO. L’oasi naturalistica della palude di Onara potrà crescere di altri 11 mila metri quadrati, guadagnare corridoi di rispetto e una nuova struttura di 2000 metri cubi per accogliere visitatori, scolaresche, associazioni. È quanto prevede la variante al piano ambientale della riserva naturale approvata all’unanimità della Commissione urbanistica e territorio del Consiglio veneto dopo il sopralluogo di ieri con il sindaco Franco Zorzo, l’architetto Adriano Camuffo, autore del primo piano ambientale (’94), il presidente del Comitato volontari che cura la manutenzione del parco Carlo Zanella, i tecnici dell’unità Foreste e Parchi della Regione, il presidente del Consiglio regionale Clodovaldo Ruffato. Al sopralluogo alla riserva di Onara ha partecipato Claudio Sinigaglia (Pd) con altri consiglieri. Continua

06.04 – Il Mattino di Padova: Soldi per le grandi opere manutenzione trascurata

Nel pomeriggio, a visionare i fronti di frana del colle era arrivata anche una nutrita delegazione del Pd, composta tra gli altri dal senatore Giorgio Santini, dai deputati Alessandro Naccarato, Giulia Narduolo e Margherita Miotto, oltre a Claudio Sinigaglia e Piero Ruzzante. Accompagnati dal referente locale Rino Biscaro, i politici democratici hanno toccato con mano le principali emergenze cittadine: «Alla Regione chiediamo l’immediata convocazione della commissione preposta» spiegano «e al governatore Luca Zaia chiediamo invece come mai non abbia trovato ancora due minuti per venire a Monselice a vedere di persona le frane. Forse Regione e Provincia, assenti in queste settimane di tensioni e problemi, non si rendono conto di quanto rischiamo di perdere: il colle della Rocca è il bene simbolo della Bassa Padovana». Chiudono dal Pd: «L’emergenza della Rocca non si risolve rincorrendo i problemi. Serve una seria analisi di tecnici e professionisti e servono soprattutto fondi, urgenti». Continua

7.04 – La difesa del popolo: Un nuovo fondo per le emergenze

È certamente il risultato più interessante dell’ultimo bilancio di previsione  regionale per il 2013. Non stiamo parlando di una cifra particolarmente consistente: 12 milioni e 400 mila euro che vanno a costituire un fondo di emergenza a sostegno dei disoccupati e delle famiglie in difficoltà. Un emendamento che è stato fortemente voluto dalla minoranza, che riteneva indispensabile dare quanto meno un segnale di fronte alla drammatica situazione in cui versano molti cittadini aggrediti da una crisi senza precedenti.
“Questo – spiega Claudio Sinigaglia, consigliere regionale del Pd – è indubbiamente un provvedimento che va nella direzione giusta. Speriamo che l’intervento non si fermi qui: proporremo infatti che una parte dei 28 milioni e mezzo del fondo nazionale che dovrebbe arrivare finisca in questa iniziativa. Come regione dovevamo necessariamente dare un segnale di fronte alla drammatica situazione che sta toccando tantissime famiglie”. Continua

2.04 – Il Mattino – Sanità privata in crisi, sulla liberalizzazione il PD apre a Padrin

“Voglio capire se la proposta di Leo Padrin è davvero un tentativo di liberalizzare il sistema oppure se si tratta di una manovra diversiva per trovare un accordo tra le parti e mettere fine alla protesta con gli scioperi già proclamati”. Claudio Sinigaglia, consigliere regionale del Pd, ex vicesindaco di Padova, lascia la porta aperta al presidente Pdl della Commissione Sanità della Regione Veneto, che ha presentato un disegno di legge in cui liberalizza l’accesso delle imprese private alle convenzioni con il sistema sanitario.
“Credo sia fondamentale disporre di una fotografia completa del settore prima di approvare qualsiasi tipo di legge – continua Sinigaglia – All’assessore Coletto ho chiesto quanti sono i laboratori considerati idonei visto che non c’è una gara pubblica per l’accreditamento. Sono vento o trenta? Ce lo dica. Anche perchè pagano 7 mila euro l’anno per l’idoneità.” Continua

A Pasqua il consigliere Sinigaglia porta solidarietà alle commesse

Il Gazzettino di Padova – Promessa mantenuta: il giorno di Pasqua il consigliere regionale del PD Claudio Sinigaglia è andato a stringere la mano alle commesse del Billa: “Uno sfregio alla sacralità della Pasqua“. Continua pag.5 ed a pag.11

Il Mattino di Padova – Ancora più duro Claudio Sinigaglia, consigliere regionale del Pd che, stamattina, ha annunciato andrà a «stringere la mano ai lavoratori del Billa, penalizzati da questa scelta calata dall’alto». Secondo l’esponente del Pd «anche il vescovo dovrebbe stringere la mano ai cassieri dei supermercati aperti». L’indignazione di Sinigaglia si fonda su motivi economici oltre che morali: «La scelta di tenere aperto è un totale fallimento, avrebbe dovuto aumentare i posti di lavoro mentre obbliga i dipendenti a turnarsi per coprire feste e domeniche, sacrificando gli affetti personali e familiari. Personalmente ci vedo anche vilipendio alla religione» continua «il giorno di Pasqua per un Paese cattolico è il giorno della Risurrezione, importante come il Natale. Ne va della nostra identità e mi domando cosa ci stia a fare l’assessore regionale all’Identità veneta. Dobbiamo cambiare la legge che deve essere competenza regionale. Sarò il primo a muovere un appello ai parlamentari veneti». Continua

Leggi anche:

 

Con la nuova Tares è ingorgo tributario Luglio a rischio caos

VENEZIA – Si chiama Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi ma il suo acronimo è Tarsu. E promette, dal prossimo luglio, di togliere il sonno ad amministratori, cittadini e imprenditori. Secondo Confcommercio, il fruttivendolo con un negozio di cento metri quadri che ha finora pagato 400 euro l’anno di tassa rifiuti rischia di trovarsi un conto da tremila euro. Colpa di una tassa che, pensata dal governo Berlusconi e maneggiata dal governo Monti, rischia di sprofondare il paese nella rivolta sociale. La Tares assorbirà le attuali Tarsu e Tia e il suo calcolo è legato all’80 per cento della superficie catastale degli immobili.

Quasi tutti, ora, ne chiedono il rinvio proprio a causa di questo «ingorgo tributario»: dal Partito Democratico ai sindacati, dal presidente della Camera alle categorie economiche, tutti sono in pressing per far slittare il pagamento al prossimo anno. Continua

Frane a Monselice, interrogazione di Sinigaglia

MONSELICE. Stato di calamità naturale. La richiesta è partita ufficialmente ieri: per il Comune di Monselice e la Protezione civile, l’emergenza-frane che in queste ore sta creando lo scompiglio sul colle della Rocca deve ottenere il più ampio margine di aiuto da Stato e Regione. Intanto gli smottamenti, che lunedì hanno interessato in particolare le vie San Martino e Galilei e il parcheggio della cava, sembrano essersi fermati.

Il consigliere regionale Claudio Sinigaglia presenterà oggi alla giunta di Luca Zaia un’interrogazione sull’emergenza del colle: si chiederanno interventi urgenti e contestualmente si inviterà la Regione ad individuare eventuali responsabilità per quanto accaduto in queste ore. Continua