Claudio Sinigaglia per la famiglia

 

 

 

Per un Veneto amico…della FAMIGLIA

• Sostegno ai servizi per l’infanzia: più risorse per gli asili nido
• Attenzione particolare alle famiglie numerose: i costi dei servizi devono essere calcolati in base alla composizione del nucleo familiare
• Sostegno alla genitorialità e alla funzione educativa:
la Regione ha fatto sparire gli aiuti (ex 285)
• Tutela dei minori: basta con gli istituti, più comunità, più affido… più famiglia!
• Sostenere il Piano domiciliarità, l’assistenza domiciliare, i Centri diurni per gli anziani, l’assegno di cura, l’associazionismo di supporto alle famiglie
• Aiuti alle giovani coppie: per la casa, per il mutuo…

il 28 e 29 marzo per la regione Veneto scrivi Sinigaglia

 

Incontro tematico sulle dipendenze

Venerdì 19 febbraio ore 18.00 – Sala Ottagona al Caffè Pedrocchi (PADOVA)
Incontro tematico sulle dipendenze
Saranno presenti:

Claudio Sinigaglia, candidato a consigliere regionale PD e assessore alle politiche sociali di Padova

Tina Ceccarelli, presidente dell’associazione “Noi-famiglie padovane contro l’emarginazione e la droga”
Daniele Sandonà, Cooperativa Sociale Cosep
Matteo Benciolini, direttore Coop. sociale Terr.A
Franco Marcomini, Dipartimento per le tossicodipendenze Ulss 16 di Padova

Gli immigrati, l’integrazione e il Centro Destra, di Claudio Sinigaglia

A cura di Claudio Sinigaglia

Su come si debba governare il fenomeno dell’immigrazione gli esponenti veneti del Carroccio (Bitonci, Conte e Mazzetto) sono bacchettati dai loro stessi leader, ma ciononostante insistono.

Non gli è bastato che ieri Maroni dalle colonne del Corriere della Sera elogiasse senza indugio la politica per l’integrazione messa in atto in via Anelli dalla giunta Zanonato, né gli basta evidentemente che oggi sia lo stesso Umberto Bossi a bacchettare sulla stampa l’europarlamentare e collega di partito Matteo Salvini che invocava rastrellamenti in quartieri difficili come quella Via Padova a Milano.

Leggendo l’annunciato “Piano per l’integrazione: identità e incontro” del ministro Sacconi mi vien da dire che hanno scoperto l’acqua calda. Per anni il centro sinistra, e in particolare i cattolici impegnati in politica, sono stati accusati di buonismo dal centro destra; oggi ci sentiamo dire quello che andavamo ripetendo da anni: serve un nuovo modello sociale che non voglia solo le braccia degli immigrati ma che accolga anche le persone, anche il diverso. Il futuro della nostra società passa inevitabilmente per questa linea.

Ciò non vuol dire ignorare chi delinque, ma valorizzare e dare dignità a quei – molti – cittadini stranieri che risiedono regolarmente e lavorano nella nostra regione.

Gli immigrati registrati all’anagrafe patavina sono ormai il 13,3% della popolazione residente; in Veneto gli stranieri sono il 6,4% del totale e nel Nordest vivono – secondo le stime di Fondazione Nordest – circa il 16-17% degli stranieri presenti nella penisola, quasi 600mila stimando anche gli irregolari. Secondo il rapporto dell’Osservatorio immigrazione del Veneto gli stranieri nella nostra regione sono il 10% della forza-lavoro e nei lavori domestici e nell’assistenza alle famiglie arrivano addirittura all’80%.

Peccato che gli esponenti della Lega locale non abbiano studiato la lezione dei loro maestri. Lo confermano non solo i contenuti delle loro dichiarazioni ma anche i loro slogan nei manifesti elettorali. Frasi del tipo “In Veneto per i Veneti” o “Prima il Veneto” inneggiano in modo evidente a conflittualità sociali e rimarcano quel “solo noi” che abbiamo sentito già in tante occasioni: ronde, residenze negate,…. Tanto poi pagheranno le nostre comunità, incapaci di convivere civilmente e di crescere nell’integrazione e nel confronto reciproco. Altro che “Piano per l’integrazione”. Più che “incontro” nelle loro dichiarazioni mi pare ci sia ancora una volta soltanto “scontro”. Non è che le dichiarazioni di Bossi, Maroni e Sacconi siano solo un modo per travestire il lupo da agnello?

Approfondimenti PD

LE SCUOLE MATERNE AL BIVIO

Quale risposta dalla Regione?

Martedì 23 febbraio ore 18.00

Caffe’ Pedrocchi – Sala Ottagona

Con Claudio Sinigaglia

 

Claudio PIRON, Assessore politiche scolastiche ed educative – Padova

Ugo LESSIO, Presidente Fism regionale

Loretta PASQUATO, Assessore alla pubblica istruzione Noventa Padovana

Nereo MARCON, Cisl scuola

Francesco BRESSAN, Comitato genitori e gestori scuola infanzia paritarie

Paolo BOGONI, Già responsabile scuola ANCI regionale


Con la partecipazione di Franco Frigo e Giovanni Gallo

Claudio Sinigaglia al mercato di Albignasego

Claudio Sinigaglia

Venerdì 19 febbraio dalle 10.30 alle 12.00

sarà presente al mercato di Albignasego

Claudio Sinigaglia,  candidato in Consiglio Regionale

Incontrerà la cittadinanza, distribuirà  e spiegherà il suo programma elettorale regionale

 

Claudio Sinigaglia

Claudio Sinigaglia al mercato della Guizza

Claudio Sinigaglia

Mercoledì 17 febbraio dalle 10.30 alle 12.00

sarà presente al

mercato della Guizza (Padova)

Claudio Sinigaglia,

candidato in

Consiglio Regionale

Incontrerà la cittadinanza, distribuirà  e spiegherà il suo programma elettorale regionale

 

Claudio Sinigaglia