Una mappa di sacrari, trincee, sentieri e ossari

caduti-grande-guerraTorri di avvistamento che svettano in mezzo alla laguna e si confondono con i campanili veneziani, trincee che si perdono tra i sentieri di montagna ricoperti da un manto d’erba e muschio, forti e batterie talmente ben mimetizzati che in pochi li sanno ritrovare per portarci i figli. Segni di un passato recente che ci implora di non essere dimenticato nonostante il tempo passi e su quelle tracce si abbatta l’oblio.

Il centenario della Grande Guerra alle porte, è una via privilegiata per celebrare la storia e rispolverare la memoria, ma è anche un’opportunità che si offre per incentivare finalmente un patrimonio unico non solo di conoscenza, ma anche monumentale che in questi primi cento anni non è stato valorizzato come avrebbe potuto. L’obiettivo della Regione e nello specifico del vicepresidente Marino Zorzato, che ieri ha presentato il pacchetto di investimenti sulla Grande Guerra, è quello di dare contenuto e sostanza ai numerosissimi eventi culturali in programma nel 2015, investendo una somma complessiva di quasi 34 milioni di euro per ristrutturare, recuperare e in qualche caso riconvertire alcuni dei gioielli militari che talvolta neanche sappiano esistere.
[button link=”https://www.claudiosinigaglia.com/2015/01/17/una-mappa-di-sacrari-trincee-sentieri-e-ossari/” color=”red” font=”bold”]Leggi tutto[/button]

Leggi tutto

L’università di Padova al Padiglione Italia di Expo 2015

Siglato a Milano il Protocollo d’intesa tra Diana Bracco, commissario generale di sezione per il Padiglione Italia e Giuseppe Zaccaria, rettore dell’università di Padova.

Il protocollo d’intesa sottoscritto da Expo e università di Padova sancisce una collaborazione fattiva per lo sviluppo e la realizzazione dell’area dedicata alla biodiversità all’interno della “Mostra dell’Identità Italiana”. In particolare, spetteranno all’università la curatela e il supporto tecnico scientifico per la progettazione, lo sviluppo e la realizzazione dell’area dedicata alla biodiversità; e la curatela e il supporto tecnico e scientifico per la progettazione, i contenuti e la realizzazione dell’area verde situata negli spazi di rappresentanza al quarto piano del Palazzo Italia; la collocazione di un’installazione dedicata a Padiglione Italia al termine del percorso di visita Orto botanico, a partire dall’inaugurazione delle nuove strutture dell’Orto e fino al 31 ottobre 2015.

Un incarico particolarmente importante, come sottolinea il rettore Giuseppe Zaccaria: “L’accordo fra l’ateneo di Padova e Padiglione Italia dell’Expo è per noi motivo di grande orgoglio e soddisfazione, frutto di un lavoro di intenso scambio durato mesi. Fa molto piacere constatare come Padiglione Italia abbia scelto l’università di Padova, fra le varie possibilità disponibili, come curatrice e capofila dell’ampia area dedicata alla biodiversità all’interno della “Mostra sull’identità italiana”. Un tema, quello della biodiversità, centrale per quanto riguarda l’esposizione del prossimo anno. È evidente come il lavoro fatto per l’Orto botanico, che ha portato all’inaugurazione del nuovo Giardino delle biodiversità lo scorso settembre, sia stato preso come prova della nostra serietà e del nostro prestigio. Lavoreremo per rendere sempre più stretta la sinergia con Padiglione Italia, sicuri che porterà ottimi risultati per l’ateneo come per l’Expo”.

L’Esposizione universale che si terrà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre 2015 ha come tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. Bene si inserisce in questo tema l’Orto botanico di Padova che, istituito nel 1545 per la coltivazione delle piante medicinali e Patrimonio mondiale dell’umanità dal 1997, si è recentemente dotato di una nuova area di 15.000 metri quadrati denominata Giardino delle biodiversità.

L’Orto botanico di Padova mira alla protezione, conservazione e trasmissione alle generazioni future del proprio patrimonio, alla conservazione delle specie vegetali per la salvaguardia della biodiversità, all’incentivazione della ricerca e della didattica nelle discipline botaniche, nonché all’incentivazione dei rapporti internazionali con altri Orti botanici.

Il concept guida del Padiglione Italia è il “Vivaio Italia”, ovvero uno spazio di visibilità del nostro Paese che intende coinvolgere le amministrazioni, gli enti, le sedi di ricerca e gli operatori del settore; l’area espositiva ospiterà la “Mostra dell’Identità Italiana” in quattro percorsi. Uno di questi, denominato “La Potenza del Futuro” ospiterà un’area che raccoglierà 21 piante, ciascuna rappresentativa di una regione italiana, per raccontare la straordinaria biodiversità del paesaggio italiano.

Sabato 6 dicembre è stata organizzata una visita guidata al Giardino delle Biodiversità, parte dell’Orto Botanico, proprio per apprezzare uno dei più grandi tesori di Padova, molto spesso nascosto. Questa serra riesce a racchiudere più microclimi e più specie provenienti da tutto il mondo, con lo scopo di mostrare come molte piante si assomiglino pur “abitando” a molti chilometri di distanza!

2014-12-06 10.34.39 2014-12-06 10.34.25

Giornata contro la violenza sulle donne: il “Decalogo di Venezia”

noti1733La giornata del 25 novembre 2014, designata nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, è occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica e gli amministratori, sull’importanza di una corretta interpretazione e applicazione delle politiche di genere.

Leggere il tema della violenza in un contesto più ampio, significa oltre che affermare le pari opportunità come “principio trasversale delle politiche pubbliche”, anche procedere in un lavoro al fine di colmare una distanza in termini di “potere” e “risorse” che ancora separa gli uomini dalle donne.

[button link=”https://www.claudiosinigaglia.com/2014/11/27/giornata-contro-la-violenza-sulle-donne-il-decalogo-di-venezia/” color=”red” font=”bold”]Leggi tutto[/button]

Leggi tutto

ArtePadova: 25° anniversario

Screen Shot 2014-11-23 at 18.34.42ArtePadova festeggia il suo 25esimo compleanno con un grande successo di pubblico: l’edizione che si è chiusa questa mattina ha registrato un +16% di visitatori rispetto allo scorso anno. Un dato superiore alle già alte aspettative della vigilia, che conferma la kermesse padovana come una fra le poche manifestazioni di riferimento a livello nazionale. Mentre altre mostre-mercato legate al mondo dell’arte stanno vivendo un momento di difficoltà, ArtePadova – che con Arte Fiera di Bologna è la mostra mercato più longeva a livello nazionale – è in buona salute e non mostra i segni del tempo. Collezionisti e appassionati sono arrivati in Fiera a Padova per ammirare le circa 15mila opere esposte e per investire nell’arte: se molti si sono indirizzati verso le opere “accessibili” di valore inferiore ai 5mila euro della sezione CATS dedicata ai talenti emergenti, nei padiglioni 7 e 8 – che ospitavano le gallerie che propongono i grandi nomi dell’arte moderna e contemporanea – il volume d’affari è stato decisamente elevato.
[button link=”https://www.claudiosinigaglia.com/2014/11/23/artepadova-25-anniversario/” color=”red” font=”bold”]Leggi tutto[/button]

Leggi tutto

Ernesto Preziosi: Una sola è la città

preziosiIl professor Preziosi, parlamentare del PD, quando parla di un rinnovato impegno politico dei credenti si vede che lo fa con cognizione di causa: esperto storico della chiesa in età contemporanea, da una vita nell’Azione Cattolica e docente nelle scuole di formazione politica diocesane, è ad oggi una delle personalità più autorevoli del cattolicesimo democratico italiano impegnato in politica. 
Sabato 15 novembre è stato a Padova e su mio invito si è confrontato con un’ampia platea su questi temi, presentando il suo ultimo libro (“Una sola è la città”), presso il liceo Barbarigo. 
[button link=”https://www.claudiosinigaglia.com/2014/11/17/ernesto-preziosi-una-sola-e-la-citta/” color=”red” font=”bold”]Leggi tutto[/button]

Scenari di un’Italia che cambia

Nel numero di novembre di “Scenari di un’Italia che cambia”, pubblicato da SVG, si analizzano le ultime opinioni riguardo al mondo cattolico, in particolar modo quelle su papa Francesco.

L’hanno chiamata la “rivoluzione gentile”. Papa Francesco continua il suo cammino. Non si ferma di fronte alle resistenze, alle prese di posizioni avverse e critiche che emergono da alcuni segmenti porporati.

[button link=”https://www.claudiosinigaglia.com/2014/11/15/scenari-di-unitalia-che-cambia/” color=”red” font=”bold”]Leggi tutto[/button]

Leggi tutto

Le città della cultura: primo report del nord Italia

Le città d’arte italiane sono molte e tutte conservano un patrimonio storico, artistico e archittetonico che racconta secoli di storia. Segnate dall’attività di grandi artisti e mecenati queste città non sono solo il contenitore di espressioni artistiche rilevanti ma sono esse stesse delle opere d’arte, dei veri e propri musei a cielo aperto.
E Padova è una di queste.

Il primo Rapporto sulle Città d’arte del Nord Italia, che sarà presentato l’11 novembre 2014 (ore 11.00 sala Paladin di palazzo Moroni), completa un quadro di informazioni, dati, valutazioni qualitative e quantitative di estremo interesse per lo sviluppo delle politiche pubbliche che si potranno adottare a sostegno delle Città d’arte del Paese.
[button link=”http://www.regione.veneto.it/web/guest” color=”red” font=”bold”]Leggi tutto[/button]

Leggi tutto

Orti Insorti: spettacolo teatrale

Screen Shot 2014-10-23 at 20.53.40

E’ un confronto con i protagonisti di esperienze cittadine su: accesso al cibo, lotta allo spreco alimentare, produzione e consumo alimentare sostenibile
Intervengono FRANCO ZECCHINATO, Cooperativa El Tamiso | LUCA FACCO, Caritas diocesana | MATTEO ALTAVILLA, Acli – Rete Solida

Modera SABINA FADEL, caporedattrice Messaggero di Sant’Antonio

Evento promosso da Diritti+Umani, Caritas Diocesana, Fondazione Lanza, Fondazione Fontana, 
Gruppo Pranzi di Solidarietà, Acli – Rete Solida, Gruppo Polis, Banco alimentare, MoVi, FairTrade Italia

Clicca qui per il volantino