SVG: “Immigrazione e Integrazione”

schermata-2016-09-09-alle-12-46-50Immigrazione: una sirena emozionale (con vestito razionale) capace di parlare ad ampi e diversificati strati della società, aprendo brecce in elettorati che, fino a ieri, sembravano refrattari a tali argomenti.
Nel Paese, va chiarito, restano minoritarie le pulsioni radicali (come le ipotesi di muri che qua e là spuntano nel continente), come non fanno breccia le narrazioni che raffigurano gli immigrati come “cavallo di Troia” per le nostre società, ma non si deve dormire sugli allori. Le pulsioni serranti, le simpatie per ricette dure e semplificatorie, rischiano di trovare terreno fertile ed espansivo nelle classi medio-basse, nel ceto medio colpito dalla crisi e infragilito nella sua identità sociale, nelle terre economicamente martoriate del Sud e delle Isole. “Prima gli italiani” sta diventando un mood che si diffonde carsicamente, facile da capire, una risposta semplice alle complessità dell’oggi, in grado di parlare, trasversalmente, a una vasta platea sociale. 

La crisi, il perdurare della stagnazione economica, l’incedere del terrorismo, il senso di incertezza diffuso, la mixofobia presente nelle nostre città (il fastidio provato dalle persone per il melting pot che già oggi è la nostra realtà), generano un humus fertile per questa issue. 

CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTERA ANALISI

Il tema immigrazione (come ha ammesso Merkel) è stato sottovalutato dai governi ed è stato affrontato, fino ad ora, con una logica emergenziale.
Oggi questo tema non può più far parte delle seconde fila dell’agenda europea, ma deve diventare un ambito strategico, in cui sperimentare una nuova visione di società e sviluppo. La sfida è quella dell’integrazione reciproca e tranquilla, dell’affermarsi di una politica di civiltà, che non promuove né l’assimilazione né il cambiamento degli altri, ma genera una nuova idea di Paese e cittadinanza. Una sfida d’idee e proge% che ha molti ostacoli sul proprio cammino, primo fra tu% quello del tempo. Quello perso va recuperato e…celermente. 

Padovacultura: gli eventi dell’estate

Padova. Incontro della Cultura-Programma da giugno a settembre 2016E’ in distribuzione il programma delle iniziative culturali in città.
Clicca per la versione online.
Segui tutti gli aggiornamenti sulle pagine del nostro sito PadovaCultura.
Vuoi ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica tutti gli inviti agli eventi descritti in PadovaCultura?

Iscriviti a PadovaCultura Eventi

Le Mostre

I TINTORETTO RITROVATI

Giudizio di Paride, particolarePadova, Musei Civici Eremitani
Dal 10 maggio al 25 settembre 2016

Otto tele attribuite a Tintoretto da Vittorio Sgarbi, finora esposte a Palazzo Moroni negli uffici del Gabinetto del Sindaco come opere di un imitatore del grande maestro veneziano, vengono presentate ai Musei Civici agli Eremitani.
I dipinti sono a soggetto mitologico, di fonte ovidiana: Giudizio di ParideI cercopi mutati in scimmieBriseide rimprovera AchilleDeucalione e PirraApollo e Marsia, Venere e Adone, Giove e Semele, Compianto su Adone morto. Nuovo evento realizzato nell’ambito del ciclo Padova 2016. Le mostre di Vittorio Sgarbi, realizzato dal Comune di Padova con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.
InformazioniLeggi tutto

Eurosportello, i prossimi incontri

LIFE 2014-2020
lifeROMA, 7 – 8 luglio 2016
Il 19 maggio sono stati aperti i bandi LIFE 2014 – 2020 con scadenze a settembre 2016. Erede del precedente programma LIFE+, il nuovo strumento finanziario per l’ambiente europeo permette un ampio ventaglio di tipologie di progetti e di tematiche di lavoro. Con una dotazione finanziaria pari a quasi 3 miliardi e mezzo di euro si struttura in due sottoprogrammi, “Ambiente” e “Azione per il clima” entro i quali è possibile presentare progetti pilota che possono affrontare tematiche oggi sempre più urgenti quali la gestione del territorio e della natura, l’informazione ambientale, l’innovazione nei settori produttivi per ridurne l’impatto ambientale e le emissioni.Leggi tutto

Sondaggio SVG: i motivi che spingono al voto

Screen Shot 2016-03-22 at 21.12.24Quali sono i fattori che spingono le persone a optare per un partito o per l’altro? Quali sono gli elementi artefici delle scelte di voto? Com’è cambiata, nel tempo, la mappa dei driver di voto? 

Lo spazio a disposizione non consente una disanima articolata del tema, ma permeCe alcune valutazioni schema:che e alcuni flashback.

Un primo elemento da cui partire è la riduzione, quasi la sparizione, del voto come scelta generata dalla tradizione familiare. Il mutamento profondo della geografia poli:ca avvenuto negli ul:mi ven: anni, con la scomparsa dei partiti tradizionali, la nascita di nuove formazioni e lo sfrangiarsi in diversi alveoli e rivoli delle culture poli:che storiche, ha reso i legami tra percorsi familiari e poli:ca sempre più flebili e meno marcati, introducendo, in tutte le aree politiche, tratti di discontinuità.

CONTINUA A LEGGERE IL SONDAGGIO

Padova Cultura: gli eventi di marzo

Padova-cultura
FESTA DELLA DONNA ai Musei Civici di Padova

8 marzo, Festa internazionale della donna, in tutte le sedi museali civiche di Padova (con esclusione della Cappella degli Scrovegni), tutte le donne potranno entrare gratuitamente.
Tutti gli orari delle sedi sono contenuti nell’elenco scaricabile QUI.
Informazioni

LE MOSTRE

COLLEZIONE PERMANENTE DEL GIOIELLO CONTEMPORANEO

Fondazione Raffaele Cominelli
Padova, Oratorio di san Rocco
Dal 4 marzo al 30 aprile 2016
In esposizione per la prima volta fuori dalla sede ufficiale una delle rare collezioni pubbliche dedicate al gioiello contemporaneo. ll percorso espositivo è articolato in quattro macro aree tematiche, a loro volta ripartite in specifiche sfere d’interesse.
La visita alla mostra è un’occasione per poter ammirare, osservare e studiare questa particolare forma d’arte, apprezzare l’ampiezza del raggio di ricerca delle forme stilistiche e delle soluzioni tecniche adottate, a dimostrazione della vivacità e dell’eclettismo di un’arte che arricchisce di sempre nuovi significati culturali il mondo del gioiello contemporaneo.
Mostra a cura di Mirella Cisotto Nalon e Rosanna Padrini Dolcini
Informazioni

150 anni di Museo Bottacin

Non solo monete
Padova, Palazzo Zuckermann
Dal 5 febbraio al 13 marzo 2016
Padova celebra il Museo Bottacin, istituto nato 150 anni fa quando Nicola Bottacin, facoltoso  commerciante nato a Vicenza nel 1805 ma da famiglia padovana, decise di legare la sua collezione d’arte e la sua biblioteca ma soprattutto la personale raccolta numismatica alla città di Padova.
Informazioni

FATTORI

Padova, Palazzo Zabarella
ATTENZIONE – Fino al 28 marzo 2016
Mostra antologica che ripropone al grande pubblico l’immagine di Giovanni Fattori, uno dei maggiori protagonisti dell’arte europea.
La mostra, curata dai più accreditati esperti del pittore livornese, Francesca Dini, Giuliano Matteucci e Fernando Mazzocca, presenta oltre cento dipinti, in grado di ricostruire, attraverso un avvincente taglio cronologico e insieme tematico -­ dallo spavaldo Autoritratto del 1854, dove riusciva già a rivelare la forza rivoluzionaria della sua pittura, agli ultimi capolavori eseguiti agli inizi del Novecento, la straordinaria versatilità di una lunga vicenda creativa che lo ha visto cimentarsi con tematiche e generi diversi. All’interno del percorso espositivo si darà conto anche alla sua produzione grafica, con una sezione che presenterà una decina di fogli incisi ad acquaforte su zinco.
Informazioni
Leggi tutto

Bilancio 2016: vinta la “battaglia” per la Cultura

La nostra battaglia per la Cultura ha avuto un esito soddisfacente: 
1414478615717.jpg--fondi_cultura__ad_ortona_solo_10_mila_euro___d_alfonso_offende_la_citta_Gli stanziamenti per la cultura sono aumentati di 2,8 milioni di euro e un ulteriore milione è stato dedicato ai cosiddetti grandi eventi, tra i quali i 500 anni del Ghetto di Venezia e la prosecuzione delle iniziative legate alla memoria della Grande Guerra.

La Regione, sulla scia di quanto il Governo Renzi sta facendo in termini di cospicui finanziamenti per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio artistico, per i musei, i teatri, il cinema e le attività culturali, non poteva chiamarsi fuori da questa partita.

Non siamo ancora alla piena sufficienza, ma questo spostamento di risorse è un segnale che va colto con positività e che deve aprire una fase di concreta attenzione per le attività culturali della nostra regione: più soldi investiremo, maggiore sarà la ricchezza per il Veneto!
LEGGI IL MIO INTERVENTO IN SEDE DI BILANCIO