Festa dell’Unità dedicata in prevalenza ai cambiamenti climatici

Quest’anno la festa dell’Unità cambia location e si trasferisce al parco Fistomba, alla Stanga. Il format è sempre lo stesso: incontri, dibattiti, concerti. Inoltre ci sarà una libreria dove il tema dominante sarà quello della donna e la parità di genere, uno spazio con i gonfiabili per i bambini, un dj set, un bar, un ristorante di carne e pesce e una pizzeria. Insomma non mancherà proprio nulla per i sei giorni di festa, dal 4 al 9 settembre, che quest’anno è stata chiamata “Terra delle idee” . «Terra delle idee perché si affronterà in più occasioni un tema sentito come quello dell’ambiente, della sostenibilità, anche a livello economico, e dello sviluppo», hanno spiegato Vittorio Ivis, segretario provinciale del Pd, e Alessandro Zan, parlamentare del Pd. «Sarà un evento plastic free, con molte associazioni e tanti ospiti».

Tra gli ospiti il Pd annuncia gli ex ministri Maria Elena Boschi e Maurizio Martina, la segretaria della Cgil Gianna Fracassi, l’eurodeputato Brando Benifei e forse il segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti, da cui si sta attendendo conferma. «Nei prossimi giorni presenteremo il programma completo. Intanto possiamo dire che il 5 settembre alle 19.30 ci sarà un dibattito con il sindaco Sergio Giordani e gli assessori Cristina Piva, Antonio Bressa e Andrea Micalizzi. Si farà un punto su questi due anni di amministrazione e si ragionerà sul futuro», ha detto Davide Tramarin, segretario cittadino del Pd.

«Questa poi è una festa che cade in uno snodo fondamentale di questa legislatura», ha aggiunto Alessandro Luigi Bisato, segretario provinciale del Pd. «Proprio in quei giorni infatti ci sarà probabilmente la prima fiducia al governo entrante». E a proposito di governo i vertici del Pd regionale, provinciale e cittadino sono ottimisti: «Il Veneto sicuramente può essere rappresentato bene nel nuovo governo. Un governo della svolta che deve avere figure del nostro territorio». E per quanto riguarda invece l’alleanza con i 5 Stelle: «Non escludiamo un dialogo, certo bisogna evitare di fare il passo più lungo della gamba. Vogliamo ragionare di temi diversi e mettere al centro una politica diversa».

Pubblicato da Claudio Sinigaglia su Domenica 25 agosto 2019

 

Posted in Notizie, Territorio.