“Straordinario, il nuovo Piano sociosanitario restaura le care vecchie Ulss sotto forma – di distretti”

Venezia 20 lug. 2018 –        “Il nuovo Piano sociosanitario è una vera e propria retromarcia rispetto alla Legge 19/2016 con la reintroduzione dei ruolo fondamentale dei distretti. Un atto necessario visto le dimensioni ciclopiche delle Ulss, perché il territorio ha bisogno di punti di riferimento”.  È il commento, a nome del Partito Democratico, del consigliere Claudio Sinigaglia sul Pssr 2019-2023 presentato oggi in Quinta commissione. “La valorizzazione  dei 26 distretti con il direttore sostanzialmente parificato al direttore generale  è una sorta di salvataggio in corner, dopo aver ridotto drasticamente il numero delle Ulss. È una chiara rivisitazione della riforma sanitaria, si torna al modello delle 21 Unità locali sociosanitarie, per riuscire ad erogare i servizi nel territorio in modo omogeneo, in particolare per rispondere alla cronicità. Della serie: sbagliando si impara”. Il consigliere dem si sofferma poi sulla riorganizzazione degli ospedali prevista dal nuovo Piano: “La riorganizzazione recepisce il Decreto ministeriale 70 del 2015 che definisce gli standard, qualitativi e quantitativi delle strutture, e il Piano nazionale esiti che fissa i volumi di attività minimi per ogni reparto: diventa quindi difficile pensare, allo stato attuale e come dice pomposamente Zaia, che resteranno aperti tutti gli ospedali così come sono.  Basta vedere quanto sta accadendo oggi con i Punti nascita e a causa della mancanza di tanti medici specialisti. Ne vedremo delle belle” conclude l’esponente del Pd.

Posted in Rassegna stampa, Sanità e Sociale.