Riparto dei fondi della Sanità per il 2018: mai così tanti soldi al Veneto… ma non basta!

l primo di agosto la Conferenza Stato Regioni ha raggiunto l’intesa sul riparto 2018 dei 113 Miliardi 404milioni del Fondo sanitario nazionale (nel 2017 erano 112 MLDcirca).

Al Veneto arrivano la bellezza di 9Mld 71 milioni, mai così tanto, ma sicuramente al limite rispetto al fabbisogno, soprattutto del personale. A questo importo si aggiungeranno altri stanziamenti legati a fondi vincolati, come farmaci innovativi e oncologici, spese per gli specializzandi, sanità penitenziaria, istituto zooprofilattico, gioco d’azzardo … e così via. Alla fine il Veneto raggiungerà quota 9 Mld e mezzo.

Servirebbero almeno 116 Mld al sistema sanitario nazionale( 3 Mld in più) ma su questo il neo ministro Grillo è purtroppo silente, sopraffatta dalle richieste della flat tax, riforma Fornero, reddito di cittadinanza. Servirebbero in particolare almeno 2000 borse di studio in più per specializzandi per evitare di trovarci senza medici. Oggi sono le borse di studio sono 6000 circa.

Dalle tabelle del riparto emergono alcuni dati interessanti: la Lombardia è la regione che riceve di più! Il riparto viene infatti collegato alla popolazione residente e alla pesatura della popolazione (gli anziani hanno un coefficiente maggiore). La Lombardia nel 2018 riceverà 18 Mld 927 mil.; la Regione Lazio 10 Mld 351 mil; la Campania 9Mld 934 mil; la Sicilia 8Mld 787 mil; l’Emilia Romagna 8Mld 522mil.

Rilevante è la misura della mobilità interregionale: in totale sono 4Mld 635 mil che vanno da alcune Regioni ad altre collegati ai pazienti che si spostano da una Regione all’altra. Le Regioni in mobilità attiva, quindi attrattivi di pazienti da altre Regioni e in credito, sono la Lombardia con + 800 milioni, l’Emilia Romagna con + 358 milioni, il Veneto con però soli 161 milioni, la Toscana con + 140 milioni. In mobilità passiva, con forti fughe di pazienti che vanno a curarsi in altre Regioni, sono invece la Calabria con -320milioni, la Campania con -300 milioni, il Lazio con – 290 milioni, la Sicilia con – 240 milioni.

Le principali fonti di finanziamento sono: l’Irap, il Veneto riceve 1Mld 974 milioni su 20 Mld 462 milioni complessivi di Irap ; L’addizionale statale Irpef, il Veneto riceve 814,5 milioni su 9 Miliardi complessivi; il Fondo collegato alla tassazione generale, il Veneto riceve 5Miliardi 912milioni su 66Miliardi complessivi.

E’ importante non scendere sotto la quota del 6,5% del rapporto con il pil.

Per questo sollecitiamo fortemente il neo ministro della sanità Grillo ad alzare la voce per incrementare il Fondo nazionale. Ne va del sistema sanitario universalistico.

I dati riportati sono nella tabella C di pag. 16 per quanto riguarda il fondo ripartito per regione e la mobilità interregionale; nella tabella B di pag. 22 per quanto riguarda le fonti di finanziamento.

Claudio Sinigaglia Consigliere regionale PD

i giornali di oggi sul riparto sanità: per il 2019 servono almeno tre Miliardi in più… il Ministro Grillo saprà farsi…

Pubblicato da Claudio Sinigaglia su Venerdì 10 agosto 2018


Pubblicato da Claudio Sinigaglia su Giovedì 9 agosto 2018

Posted in Notizie, Rassegna stampa, Sanità e Sociale.