Olimpiadi 2026 a Cortina, scelta che alla fine penalizza tutti!

Venezia 2 ago. 2018 –   “La candidatura unitaria è una scelta fatta per accontentare tutti, ma che rischia di avere l’effetto opposto, ovvero indebolire quella italiana. Questo accade quando la Politica impone le proprie logiche su quelle sportive”. Con queste parole, affidate a una nota, i consiglieri regionali del Partito Democratico, Stefano Fracasso e Claudio Sinigaglia, commentano “la candidatura unitaria ‘Torino-Milano-Cortina’ per le Olimpiadi invernali del 2026, ufficializzata ieri dal presidente del Coni”. “È stata partorita una decisione pilatesca – esordiscono il capogruppo PD in Consiglio regionale e il vicepresidente della Prima Commissione –  quando invece si doveva osare, e il risultato è sotto gli occhi di tutti. Non sappiamo chi avrà la governance dell’evento: Milano si è già sfilata, e anche Torino aveva detto che non sarebbe stata la ‘stampella’ di altre città. Zaia è soddisfatto? Sembra una candidatura spezzatino, anche Cortina ne esce marginalizzata”.

“E rispetto ai proclami roboanti e all’ottimismo mostrato fino a pochi giorni fa – continuano i consiglieri Dem –  questo è solo un contentino. Non ci saranno grandi e ulteriori investimenti rispetto a quelli fatti per il Mondiale del 2021. Verrà effettuata una manutenzione straordinaria della storica pista di bob, la Eugenio Monti, che ospiterà anche le gare di Skeleton e Slittino, e poco altro”. “Restiamo inoltre perplessi per la suddivisione delle discipline – aggiungono gli esponenti del Partito Democratico – a Cortina si terranno le prove di Libera e Gigante di sci alpino, mentre lo Speciale sarà al Sestriere, anziché tutte nello stesso luogo. Questa ci sembra una scelta contorta. Alla fine, il mancato coraggio di Coni e Governo penalizza la candidatura italiana perché non c’è una leadership forte a differenza delle altre Nazioni in corsa”. “Adesso c’è da fare chiarezza sulla governance e lavorare – concludono Stefano Fracasso e Claudio Sinigaglia – in modo da non avere brutte sorprese a settembre 2019, quando il CIO prenderà la scelta definitiva”.

il Governo ha pesantemente condizionato le scelte della candidatura alle Olimpiadi invernali del 2026: ha umiliato la…

Pubblicato da Claudio Sinigaglia su Venerdì 10 agosto 2018


Candidatura alle Olimpiadi invernali: quando lo sport si piega alla politica. A Cortina le gare sulla storica pista …

Pubblicato da Claudio Sinigaglia su Mercoledì 1 agosto 2018

Posted in Notizie, Rassegna stampa, Sport, Territorio.