Expo 2015 e Grandi eventi: quanto ha speso il Veneto?

E’ stata resa disponibile al download la relazione riguardante l’ammontare delle spese a carico del Veneto riguardanti l’edizione dell’Expo 2015 e altri grandi eventi fino all’anno 2016.

Inoltre, nella stessa relazione, sono segnati dettagliatamente tutti i progetti innclusi in questi due grandi capitoli: si tratta nel complessivo di più di 3 milioni di euro! Rimandiamo però al file allegato per tutti i dettagli.

 

 

 

 

Zanoni e Sinigaglia (PD): “Expo e Grandi Eventi, la Regione fornisca un elenco più dettagliato delle spese e verifichi quali sono state le effettive ricadute sul territorio”

Venezia, 29 giugno 2018
“I semplici numeri da soli non bastano, la Regione fornisca il dettaglio delle spese almeno per quanto riguarda gli stanziamenti più consistenti e le campagne radiofoniche e informative, e verifichi qual è stato il ritorno pratico in termini di utilità alla promozione del territorio, sia per quanto riguarda le attività economiche che per il patrimonio storico culturale”. A dirlo sono i consiglieri del Partito Democratico Andrea Zanoni e Claudio Sinigaglia commentando la relazione sulle spese sostenute dalla Regione per Expo 2015 e per i Grandi Eventi, nel periodo compreso tra il 2014 e il 2017, illustrata ieri in Quarta commissione. “Avevamo presentato questa richiesta insieme alla collega Guarda già nel 2016, alla fine con quasi due anni di ritardo siamo riusciti ad avere le cifre, ma le tabelle che abbiamo visto riassumono solo per macrogruppi le uscite della Regione”.

L’importo complessivo destinato alla kermesse milanese ammonta a quattro milioni di euro: tra le voci più importanti i 362mila euro per l’acquisizione dello spazio al Padiglione Italia, 200mila per la progettazione dello spazio e altrettanti per la messa a contratto del gruppo di lavoro costituito da cinque professionisti. A questi vanno aggiunti 380mila euro per ‘Acquae nutrimento: mostra della filiera ittica veneta”, realizzata a Marghera nel padiglione Acqua Venezia presso Expo Venice.

92 invece le voci di spesa per i Grandi Eventi, per un totale di due milioni e 350mila euro. “Se escludiamo i 250mila euro per il novantesimo raduno degli Alpini nel 2017 a Treviso, la parte del leone la fa il vino – evidenzia Andrea Zanoni – a testimonianza di quella che è una vera e propria ossessione per Zaia”. 549mila euro, infatti sono andati al progetto Padiglione vino per l’Ente autonomo Fiera di Verona, 100mila per la valorizzazione della filiera Igp, Dop e Doc, 373.500 per la candidatura Unesco delle Colline del Prosecco di Conegliano e la Valdobbiadente (220mila nel 2016 e 153.500 lo scorso anno). “Mi chiedo se sia giusto finanziare con fiumi di denaro pubblico un comparto che già di suo sta viaggiando a gonfie vele, anziché puntare sui tanti e troppi settori sia agricoli che dell’artigianato locale che fanno molta fatica ad uscire dalla crisi”.

Fanalino dei coda dei Grandi Eventi è l’Università di Padova, che ha ricevuto appena 700 euro per il progetto Green Tour, Veneto in Movimento. “Si tratta di un’iniziativa interessante e meritoria per valorizzare il territorio e promuovere stili di vita sani: piste ciclabili, percorsi pedonali e a cavallo – aggiunge Claudio Sinigaglia – Le poche risorse che sono state investite testimoniano, ancora una volta, la scarsa sensibilità della Regione in materia ambientale”.

Posted in Notizie, Territorio.