Lo stop alle Medicine di gruppo integrate è la conferma dell’incapacità di Zaia e Coletto di gestire il sistema sociosanitario

Venezia, 12 apr. 2018    – “Medicine di gruppo (Mgi) e servizi di prossimità non sono assolutamente in contraddizione. Anche perché i medici non hanno mai chiesto di chiudere gli ambulatori periferici. Lo stop di Zaia è la conferma dell’incapacità del presidente e dell’assessore Coletto a gestire il sistema sociosanitario e a far partire una riforma importante per dare risposte ai cittadini”. È quanto afferma Claudio Sinigaglia, Consigliere regionale del Partito Democratico, che tramite una nota commenta “Le dichiarazioni del governatore sul futuro delle Mgi, che avrebbero dovuto essere uno dei pilastri della riforma approvata nell’ottobre 2016. Anziché sbandierare l’eccellenza della sanità veneta, spieghi come mai in tutte le Regioni sono partite le case della salute o le Medicine di gruppo integrate, mentre qua non si riesce. La ‘scusa’ della Corte dei Conti, il solito scaricabarile a cui la Giunta ci ha abituato, proprio non regge.

“La magistratura contabile, infatti, ha solo fatto richiesta di analizzare il rapporto costi-benefici, addirittura nel 2016. E comunque Zaia – insiste il Vicepresidente della Prima commissione – ha dimostrato che quando vuole tira dritto comunque, nonostante i dubbi della Corte, come accaduto con la Pedemontana. Non perda quindi ulteriore tempo e trovi un accordo serio con i medici di base per la presa in carico della cronicità, senza accampare scuse fantasiose. Medicina di gruppo e di prossimità, come gli hanno ripetuto anche gli addetti ai lavori, non sono in contrasto. Dopo sei anni di proclami e promesse, Zaia fa una clamorosa marcia indietro, a danno però dei più deboli e fragili, le persone anziane e con più patologie, quella fascia che va sotto la denominazione di ‘cronicità’. Dopo aver tagliato i posti letto di geriatria di lungodegenza, senza aver fatto partire le strutture intermedie, Zaia abbandona i nostri cari anziani. Eventualmente – chiude Sinigaglia – chi ha soldi in portafoglio trova facilmente la soluzione”.

Posted in Notizie, Rassegna stampa, Sanità e Sociale.