Valvole killer, vertice contro lo stallo… dopo gli interventi del PD!

IL CASO
VENEZIA Un vertice sul fondo per le vittime delle valvole killer. È convocato per domani a Palazzo Balbi un incontro fra i dirigenti regionali del Sociale e dell’Avvocatura, allo scopo di superare lo stallo in cui versano i 300.000 euro fermi in cassa ormai da tre mesi, mentre alle famiglie dei malati continuano ad arrivare le cartelle esattoriali. Per sbloccare quei soldi serve una delibera, pronta in bozza, ma ancora in attesa di passare il vaglio di legittimità.

LA VICENDA
All’origine della vicenda c’è uno dei più gravi scandali sanitari che il Veneto ricordi: quello dei dispositivi cardiaci forniti dall’azienda Tri Technologies e impiantati al centro Gallucci, che secondo l’inchiesta della Procura di Padova sarebbero stati da un lato difettosi e dall’altro frutto di tangenti. Il processo per omicidio colposo, lesioni e corruzione finì in Tribunale con pesanti condanne, poi però di fatto azzerate in Appello e in Cassazione, in parte per l’intervento della prescrizione e in parte per l’irreperibilità dei produttori brasiliani. Sollevata da ogni responsabilità civile, l’azienda ospedaliera formalizzò 32 ingiunzioni di pagamento, per un totale di 1 .595.000 euro, finalizzate a recuperare gli acconti dei risarcimenti versati in primo grado ai pazienti o ai loro congiunti, visto che alcuni di loro sono morti proprio in seguito a quegli interventi chirurgici.

LO STANZIAMENTO
È il caso ad esempio di Antonio Benvegnù, deceduto nel 2002 durante la convalescenza. Sua moglie Margherita e sua figlia Caterina sono state le prime a ricevere il conto, tanto che durante la scorsa maratona di bilancio erano state ricevute pressoché da tutti i gruppi politici in consiglio regionale. Un pressing sfociato, il 29 dicembre, nell’articolo 41 del Collegato alla legge di Stabilità, che prevedeva lo stanziamento di 300.000 euro secondo criteri da definire in giunta «entro e non oltre trenta giorni». In realtà ne sono passati inutilmente quasi novanta, scatenando l’indignazione del Partito Democratico, prima con Alessandra Moretti («La Regione traccheggia, ma nel frattempo le cartelle esattoriali corrono», benché sospese fino a luglio) e ora anche con Claudio Sinigaglia: «Cosa aspetta la Regione ad approvare la delibera? Lo scaricabarile burocratico non è giustizia. Chi siano i danneggiati è chiaro e deve essere altrettanto chiaro che non possono essere loro a pagare». Domani tecnici e avvocati esamineranno la bozza della delibera, che dovrebbe dare «priorità alle famiglie divenute monoparentali per il decesso di uno dei genitori causato dall’impianto delle valvole cardiache», per verificare la sua regolarità anche rispetto alle implicazioni penali della questione. 

LA SOFFERENZA
Intanto le vittime aspettano, come ricorda Caterina Benvegnù su Facebook: «La cartella esattoriale è arrivata anche a me, fredda come una lama. Il riassunto delle puntate precedenti è presto fatto: la somma che l’ospedale ci chiede di restituire – a fronte della morte di mio padre, lo ricordo – è ora di 240.000 euro, che comprendono anche le spese legali. La Regione, che aveva stanziato un fondo di 300.000 euro, non si è ancora espressa nei criteri di erogazione, e forse non ha chiaro che la cifra non basta per coprire le nostre somme e quelle di tutte le altre persone coinvolte in questa storia senza fine». E alla ferita economica si aggiunge la sofferenza morale: «Noi continuiamo ad attendere e a trovarci protagoniste – senza volontà alcuna – di una vicenda kafkiana e paradossale, che se da un lato è combustibile per la rabbia, dall’altro corrode lentamente, ci fa svegliare la notte nel panico, ci fa arrovellare in un’intricata spirale di assurdità, ci centrifuga in un moto inarrestabile e, per noi, inconoscibile. Non so quante volte io sia costretta a ribadirlo, ma la lotta continua».

Posted in Notizie, Rassegna stampa, Sanità e Sociale.