Sinigaglia: “Bene la fusione tra i Comuni della Bassa Padovana, ma la Regione può fare di più”

Venezia, 6 luglio 2017 – “Siamo favorevoli ai processi di accorpamento, convinti che possano rispondere al meglio alle esigenze dei cittadini.

Per questo non possiamo che essere contenti per l’unione di Santa Margherita d’Adige, Saletto, Megliadino San Vitale e Megliadino San Fidenzio che dovrebbero dar vita, dopo il referendum, al nuovo Comune di Quattroville”. Ad affermarlo sono i consiglieri Partito Democratico Bruno Pigozzo e Claudio Sinigaglia a proposito della futura fusione dei quattro Comuni della Bassa Padovana. “Tuttavia la Regione, invece di limitarsi a congratularsi con chi sceglie questa via virtuosa, potrebbe mostrare in concreto una maggiore attenzione per le autonomie locali, assumendo quel ruolo di guida e regia previsto dalla legge. Una garanzia istituzionale più alta agevolerebbe senza dubbio gli accorpamenti, convincendo il maggior numero possibile di amministrazioni.

Quindi torniamo a chiedere, per l’ennesima volta, l’attuazione di quanto previsto dalla Costituzione e dallo Statuto, ovvero la realizzazione del Consiglio delle autonomie locali. Il merito delle fusioni, al momento, è tutto dei Comuni – concludono i due esponenti del Pd – perché la Regione non sta svolgendo quella funzione di programmazione e pianificazione che le viene assegnata dalla legge 25 del 1992”.

Posted in Notizie, Rassegna stampa.